Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore

La storia del Prosecco Superiore DOCG inizia sulle colline di Conegliano Valdobbiadene: un territorio piccolo e prezioso, a 50 chilometri a nord di Venezia e 100 a sud delle Dolomiti, caratterizzato dai vigneti che letteralmente ne ricamano le colline.

Tutto ruota intorno a Coneglianocapitale “culturale” grazie alla presenza della Prima Scuola Enologica Italiana (1876) e Valdobbiadenecapitale “produttiva” grazie alle numerose aziende che popolano il territorio.

Nei comuni intorno a Valdobbiadene la coltivazione della vite è definita eroica, perché difficoltosa a causa delle pendenze (fino al 70%) che costringono a un’agricoltura quasi esclusivamente manuale.

Grazie agli studi della Scuola Enologica il metodo italiano o charmat è stato perfezionato fino a definire un metodo specifico per il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore.

Nel 1962 un gruppo di 11 produttori dà vita al Consorzio di Tutela per proteggere la qualità e l’immagine del proprio vino, nel 1969 il Consorzio ottiene per il Prosecco Superiore la DOC e nel 2009 la Denominazione di Origine Controllata e Garantita.

I produttori hanno deciso di valorizzare il territorio già nel nome: “Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore”.

Il risultato di un’attenzione equilibrata per la produzione e per l’ambiente è la Candidatura a Patrimonio dell’Umanità Unesco dell’intero territorio.

Maggiori informazioni sul sito: www.prosecco.it