Per “legalizzazione dei titoli” si intende un atto formale di “vidimazione” del titolo universitario straniero da parte dello Stato presso cui si fa domanda, al fine di al fine di garantirne l’autenticità, ovvero di confermare che il titolo di laurea è validamente rilasciato dall’Università straniera presso cui è stato conseguito.

Operativamente, il processo di legalizzazione consiste nell'attestazione della qualità legale e di autenticità delle firme dei Pubblici ufficiali che sono state apposte su un determinato documento (atti, copie o estratti).
Il processo di legalizzazione, quindi, non ha nessun effetto sul “valore” del titolo: non è quindi da confondersi con la dichiarazione di “equipollenza” del titolo acquisito.

Rispetto al titolo IUSVE/Università Pontificia Salesiana (che è titolo di Università straniera rilasciato in territorio italiano) è possibile legalizzare solo i titoli dei gradi accademici di Baccalaureato e Licenza: tale procedura, invece, per normativa della Santa Sede, non è attualmente prevista per i titoli post-lauream (Master, Specializzazioni, Perfezionamenti universitari, ecc.).

A seguito del versamento della “Tassa di legalizzazione”, IUSVE provvede d’ufficio alla legalizzazione del solo Diploma di Baccalaureato/Licenza (pergamena di laurea), che è normalmente il documento maggiormente richiesto per le eventuali pratiche amministrative universitarie o professionali.

Per maggiori informazioni